• Email : info@shiatsuisi.it

  • Tel : +39 339-2770113

I problemi derivanti dalla cervicale sono molteplici e le persone che ne soffrono in ampio aumento. La cervicalgia è uno dei problemi più diffusi nel mondo occidentale. E' caratterizzata da dolore, mal di testa, nausea e vertigini, nonché rigidità. Ciò è dovuto anche allo stile di vita e alla postura errata che si tiene mentre si svolgono le attività lavorative o di altra tipologia. Oltre a ciò, contribuiscono all'insorgenza della cervicalgia "o cervicale" traumi ed incidenti, come ad esempio, incidenti d'auto che generano il noto colpo di frusta. Oltre ai sintomi locali si possono verificare ampi sintomi diffusi.

Cervicalgia frequenza sintomi 

L' infiammazione cervicale colpisce il tratto della colonna che va dalla nuca alla base del collo. Si tratta di vertebre che danno sostegno alla testa. Il dolore cervicale e, la patologia nel suo insieme, sono una delle cause più comuni di disabilità e tendenzialmente, sono più colpite le donne. 

Il dolore tende a portare un blocco della mobilità dovuto anche alla rigidità muscolare. Spesso il dolore e la rigidità si irradiano  alle spalle e possono interessare le braccia e la funzionalità delle mani (similmente a come accade per una sciatalgia della colonna). Oltre a ciò, possono essere insorgere, nausea, mal di testa, disturbi visivi ed uditivi. 

 

                                  

Cervicale problemi e causa

Vari fattori possono dar luogo all'insorgenza di una cervicalgia, tra loro anche lo stress e l'ansia. Ma in genere, il fatto scatenante è dovuto ad un trauma o ad una postura scorretta. Ciò che determina tale patologia è  una malposizione delle vertebre e lo scivolamento esterno del disco intervertebrale, che può andare a comprimere fasci nervosi e dar luogo a una diversa manifestazione dolorosa e di carattere sensoriale. Disturbi della colonna vertebrale possono manifestarsi a carico di coloro che svolgono una vita troppo sedentaria, sono sovrappeso, o qualora si svolga un' attività sportiva di un certo tipo che potrebbe dar luogo a traumi. Movimenti sbagliati, bruschi o il freddo, possono acuire un problema già esistente.

Cervicale e cervicalgia trattamenti e rimedi

Praticare attività sportiva, come ad esempio lo yoga, può aiutare ad attenuare e risolvere i problemi derivanti da una postura scorretta o da stress. In caso di trauma, l'osteopatia ed un bravo osteopata concorrono, attraverso tecniche e manipolazioni, a dar luogo ad un ripristino della situazione originaria eliminando o attenuando la malposizione che ha generato l'infiammazione e la rigidità cervicale. Oltre all'osteopatia, anche le tecniche shiatsu sono di grande aiuto specie per combattere le cervicalgie causate da ansia e stress. Per alleviare il dolore spesso si ricorre a dei farmaci specifici come i FANS che rappresentano però dei palliativi per ridurre il dolore ma non eliminano la causa.  

Nei casi più complessi il medico può ritenere di dover ricorrere alla chirurgia, o consigliare dei cicli di fisioterapia. Per questo motivo una diagnosi precisa è di grande importanza. 

Nel corso della vita molte persone incorrono in un episodio di mal di schiena, talvolta denominato colpo  della strega nel quale si assiste al blocco delle normali funzioni della colonna vertebrale. 

Mal di schiena, lombalgia, sciatalgia: lo shiatsu e l'osteopatia possono risultare decisive nella risoluzione di queste problematiche dovute ad una sofferenza della colonna vertebrale e allo schiacciamento di alcune vertebre che influiscono sulla non corretta posizione del disco intervertebrale. 

Mal di schiena, lombalgia, sciatalgia: lo shiatsu e l'osteopatia a chi sono consigliati

L'Oasteopatia e l'osteopta

I trattamenti osteopatici e lo Shiatsu sono consigliati a tutte le persone che presentino un blocco funzionale osteo-muscolare a qualsiasi età. L'Osteopatia si basa sulle conoscenze mediche tradizionali (fisiologia ed anatomia), e attraverso la manipolazione e delle manovre specifiche, è uno strumento molto efficace per il trattamento dei disturbi funzionali che interessano, non solo la colonna vertebrale, ma tutto l'apparato neuro-muscolo-scheletrico ed anche il carnaio-sacrale ed i visceri. L'osteopatia non tratta esclusivamente il sintomo, ma opera andando alla ricerca della causa che lo ha provocato. 

Lo Shiatsu

Lo shiatsu e, nello specifico lo Shiatsu Namikoshi, è un antico metodo giapponese che si avvale della digito-pressione attuata lungo il decorso del sistema nervoso e precisamente sui punti principali utilizzati anche nell'agopuntura. Si tratta di una metodologia che scioglie le tensioni, rilassa e rende possibili liberarsi da numerosi disturbi determinati di varie  cause, incluso lo stress, che affliggono numerose persone. Utile per i disturbi del sonno, dell'umore, per la cattiva digestione, nevralgie e cefalee. 

Osteopatia, Shiatsu e Honeshiatsu©

In questa tecnica ideata dall'osteopata Bruno Leotta  Honeshiatsu© lo Shiatsu e l'osteopatia convivono e coesistono permettendo di realizzare un lavoro più completo sul paziente che è affetto da disturbi di vario genere di natura osteo- articolare, muscolare o per coloro che soffrono, appunto, di mal di schiena, lombalgia e sciatalgia o di altri disturbi dell'apparato osteo-articolare, scheletrico tendineo e muscolare. Senza dimenticare che queste tecniche vanno ad agire anche in profondità nell'organismo identificando problematiche di altra natura, anche viscerale, come magari una colite.  La colite nello specifico, o comunque disturbi dell'apparato digestivo, possono influire anche sull'insorgenza di dolori della colonna vertebrale, il classico mal di schiena ricorrente (ad esempio). 

                           

Mal di schiena i sintomi e le cause

Il sintomo più diffuso che compare è appunto un dolore alla schiena che generalmente influisce sulla mobilità del soggetto colpito. Il mal di schiena può essere originato da varie cause: una postura scorretta, lo stress, disturbi dei visceri come ad esempio una colite od anche da traumi e sforzi eccessivi a cui la colonna vertebrale è stata sottoposta. Tra le cause scatenanti va annoverato anche un peso eccessivo del soggetto che va a gravare in modo più o meno incisivo sulla colonna vertebrale. 

Il dolore si manifesta come una fitta acuta localizzata generalmente in zona lombare (lombalgia). Può interessare il gluteo ed estendersi alle terminazioni nervose interessando appunto, il nervo sciatico (sciatalgia). La stimolazione del nervo provoca una contrattura muscolare di difesa, della muscolatura para vertebrale causando un blocco ed immobilizzando un tratto della colonna vertebrale.

Disturbi cervicali

Lo stesso disturbo può verificarsi in vari trattai della colonna vertebrale, a seconda dell'area colpita e può interessare anche il collo e l'area cervicale provocando rigidità, mal di testa, vertigini fino ad interessare i nervi e a diffondere il disturbo anche al braccio e la mano (dolore, formicolio, ridotta funzionalità dell'arto). Alla base di questi disturbi spesso c'è la fuoriuscita del disco intervertebrale che è una struttura che ha la funzione di cuscinetto ammortizzatore naturale che impedisce alla vertebre di entrare in frizione tra loro.  

Come intervenire sul mal di schiena o sui disturbi cervicali

Farmaci, cerotti e compresse, costituiscono dei palliativi che agiscono a livello locale riducendo il dolore e l'infiammazione ma senza andare ad operare a monte della problematica. La soluzione consiste nel ripristinare una situazione scheletrico muscolare di normalità, attraverso tecniche osteopatiche e lo shiatsu. Rimedi naturali a base di arnica e pino di mugo, oli essenziali, una sana alimentazione e terapie fisioterapiche possono coadiuvare e favorire la guarigione. 

 

Per trattamenti osteopatici, terapia Cranio Sacrale,  Bruno Leotta riceve nel suo studio a Roma quartiere Flaminio, in via Pinturicchio 214

Contatti ed informazioni: 339 277 0113

 

     

Il Tai Chi o T'ai Chi Ch'uan nasce in origine come arte marziale io qui segreti erano riservati all'arata imperiale. Il Tai Chi è praticato da milioni di cinesi ed in Occidente da un numero crescente di persone. 

 

 

Tai Chi i tre principi e la storia

 

Nella Cina del XIX secolo rubare i segreti di un'arte marziale, incluso il Tai Chi , era da considerarsi un vero e proprio reato. Yang Lu Chan è un  servizio di una famiglia discendente da Chen Wang Ting per impararne i segreti. Con il passare del tempo Yang divenne un vero e proprio maestro di Tai Chi .

Per molti secoli i monaci taoisti cinesi praticarono esercizi sul Kung Fu Shaolin , questo per mantenersi in forma sia fisica che spirituale. Fu intorno al XIII secolo che Chang San Feng , un monaco taoista decise di modificare questa disciplina per dar vita ad una nuova arte marziale.

 

 

Una leggenda racconta che si tratta di un tratto tra una gazza ed una serpente che ha in sé eleganza ed armonia. San Feng sviluppò dunque, un'arte marziale elegante che aveva in sé l'uso e l'interscambio delle forze interiori di  Yin e Yang . Pose dunque i fondamenti del T'ai Chi Ch'Uan .

 

I corsi di massaggio e taping  su  Roma, Catania e altre città italiane, sono dedicati alla formazione di operatori e, nel tempo, si sono andati via via diffondendo.

Il  massaggio è una pratica molto antica dalle origine asiatiche ed europee. A cosa serve fare un massaggio sportivo o il bendaggio attraverso il taping ? Ad ottenere gli effetti di natura locale che vadano a rettificare situazioni non consone. Va detto che gli effetti del massaggio avvengono a livello muscolare, locale, ma anche in campo più ampio coinvolgendo l'intera struttura fisica e psichica.

 

 

Corso massaggio e taping Roma e Catania: utilità

 

Attraverso il massaggio si ottiene un'azione diretta che va a coinvolgere cute, muscoli ed articolazioni, ma allo stesso tempo, anche tutto l'apparato circolatorio andando ad agire in maniera profonda anche a livello neuroriflesso ed umorale. Il corpo, nella sua interezza, beneficia positivamente del massaggio, di qualsiasi genere esso sia. Roma e Catania sono due grandi città in cui lo sport viene praticato da un vasto numero di persone, motivo per cui, la necessità di formare degli operatori esperti sul territorio, diventa una realtà contingente. 

 

La riflessologia plantare ha radici molto lontane. Il massaggio del piede veniva praticato dalle antiche civiltà africane, cinesi, indiane, egizie e dagli indiani d'America.  Tale pratica veniva guardata con molta diffidenza in Occidente dove si originò agli inizi del 900 per poi diffondersi, in gran parte del mondo, negli anni 60.

 

               Riflessologia plantare

 

Riflessologia plantare: nascita, storia, diffusione

 

Fu nel lontano 1915 che questa terapia fu riscoperta dal dott. William H. Fitzgerald otorinolaringoiatra e chirurgo. Fitzgerald scopri che, applicando una leggera pressione su alcune ossa del piede o della mano o su alcune articolazioni, riusciva a compiere interventi di lieve entità sui pazienti senza ricorrere ad alcuna forma di antidolorifico. Ne dedusse che la pressione riusciva a ridurre la percezione del dolore da parte del paziente.

 

I cookie ci permettono di offrire i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti il nostro uso dei cookie MAGGIORI INFO